Artigianato Artistico in strada (seconda parte)


Continuiamo il racconto (la prima parte è qui)

Una delle iatture peggiori durante un Mercatino Artigianale è di avere come vicino un banco di peruviani … non perché siano antipatici o altro … ma perché  hanno la sconsiderata abitudine di accendere enormi radioloni a volume assordante che riproducono in continuazione un unico cd. Detto cd in dotazione è una raccolta di cover di brani celebri: da Baglioni ai Beatles interpretati con il flauto andino … provate a pensare che effetto può fare l’ascolto continuativo e ripetuto di “questo piccolo grande amore” per una quindicina di volte nell’arco di una giornata! Potete incazzarvi, pregarli, implorarli … ma nulla da fare, la musica continuerà implacabile per tutta la giornata.

Mercatino di Artigianato Artistico

Altra iattura terrificante è la presenza nelle vicinanze di un  banco che esponga i così detti “prodotti tipici”: enormi tavoloni dove sono ammassate pile esorbitanti di salami, cacciatorini, prosciutti, provole, tome, mollicci blob di gorgonzola, stracchini, obelischi di formaggi di grotta, piramidi di pecorini … spesso senza nessuna protezione e in totale assenza di impianto frigorifero … esposti all’aria, alla polvere e a tutto quello che vola, magari durante una calda giornata estiva!

Con la straziante colonna sonora andina e l’avvolgente profumo gastronomico formaggesco  la nostra giornata ha inizio: appollaiati sul nostro sgabellone vediamo transitare davanti al nostro banco centinaia, spesso migliaia di persone che chiacchierano, gridano, telefonano, litigano, si sbaciucchiano, osservano meravigliate o indifferenti i nostri manufatti di Artigianato Artistico. Spesso toccano con gentilezza ma anche sgarbatamente, annusano, commentano, chiedono informazioni, contrattano … e poi ci sono i bambini! Li vedi arrivare con gli occhi sgranati e le manine protese verso il banco … purtroppo le delicate manine spesso impugnano coni gelato sbrodolanti, bomboloni in procinto di eruttare crema, patatine bisunte … li blocchi prima del disastro con sguardi inceneritori e grida belluine … “fermoooo”!

I genitori a quel punto si incazzano … “la mia bambina non ha le mani sporche!!” … “perché non può toccare?” e poi se ne vanno indignati trascinando la prole recalcitrante a far danni da qualche altra parte. Per fortuna non tutti sono così, esistono ancora quelli che tramandano il proverbio “guardare e non toccare è una cosa da imparare”.

Le giornate a volte sembrano interminabili, il tempo viene scandito dalle solite domande e dalle solite risposte: “che bello  … quanto costa?” – “Ventisette quella grande” – “euro??” – “no, talleri” “cos’è quella foglia? … un posacenere!” – ” no, uno svuotatasche”,”ma le fate voi queste cose??” – “certo, siamo artigiani”, “bellissima la borsa, avete un negozio?” – “”no, ma abbiamo un sito e facciamo spedizioni” … a noi piace ricevere complimenti, tanto che ci siamo dotati di due casse distinte: quella delle vendite e quella dei complimenti! Diciamo che  la nostra soddisfazione è data dall’averle entrambe non vuote alla fine della giornata.

Fortuna che si incontrano persone intelligenti e simpatiche con cui spesso si scambiano parole, impressioni, discorsi che magari nulla hanno a che fare con l’artigianato artistico e i mercatini. Dico fortuna perché questa massa di persone ti contagia con i propri umori, stati d’animo, tensioni … ti avvolge e sovrasta con un brusio fitto e senza tregua … la testa si riempie di migliaia di parole, immagini, odori. Spesso bisogna riuscire a rendersi impermeabili, per non essere scombussolati da questa umanità vagante e vociante.

A un certo punto bisogna anche mangiare, e con gli anni ci siamo abituati a portare il cibo da casa, non solo per una questione economica ed ecologica ma anche per evitare il cibo spazzatura distribuito dagli immancabili camioncini del “porchettaro verace” o della “piadina ruspante”.

Alla fine la giornata trascorre più o meno proficua, arriva il momento di smontare, operazione che svolgo a ritmi da catena di montaggio … si carica il tutto, si salutano amici vecchi e nuovi, ci si da appuntamento alla prossima e via verso casa. Oltre alla stanchezza fisica bisogna riposarsi dal rumore, disinquinarsi dalle parole, ricaricarsi … pronti per un altro Mercatino Artigianale in strada.

All’arte quindi compete di stabilire il vero ideale, una vita piena e ragionevole per il lavoratore, una vita nella quale la percezione e la creazione della bellezza, il godimento del vero piacere, vengono considerate necessarie per l’uomo come il suo pane quotidiano, in modo che nessun uomo o gruppo di uomini, possa esserne privato, se non con un atto reazionario contro cui si saprà ben resistere.
William Morris

7 risposte a “Artigianato Artistico in strada (seconda parte)

  1. Il cd peruviano ripetuto fino alla nausea? Vi capisco!!! Mi sono fatta una fiera delle rinnovabili ascoltando sempre, solo e soltanto “here comes the sun…” e ora mi tappo le orecchie ogni volta che la sento.🙂

  2. Ciao ragazzi, e che diciamo del…” ma guarda che bell’idea…” come dire “che ci vuole a farlo” la sola qualità è nell’idea, la realizzazione e i materiali sono una barzeccola ! Comunque posso affermare che gli artigiani in strada sono degli instancabili esploratori dei comportamenti umani. Il premio di tutto questo ingoiare è trovare sempre almeno una persona veramente speciale e dici alla fine della giornata…” ci è andata da schifo ma sono proprio contenta di aver conosciuto Franco o Gianna o Sante ” per questo ne è valsa la pena. Comunque io sono Lucia e voi fate dei lavori S P L E N D I D I ! In bocca al lupo

  3. Anche noi quando ogni tanto recesiamo “eco-eventi” che di ECO hanno proprio poco… o eventi che sono gestiti male dal punto di vista ecologico e sarebbero potuti essere gestiti meglio. Ma li recensiamo in qualità di visitatori. Il tuo punto di vista è invece quello dell’altro lato, ed è interessante notare come, nonostante tutto, certe osservazioni tendano a coincidere. E’ l’ennesima conferma della possibilità di concepire una “filosofia” diversa dell’interagire nello spazio: che si venda, si visiti, si capiti per caso, la gestione degli equilibri con l’ambiente, gli uomini e in ultima istanza la Natura resta fondamentale.

  4. CIAO ! Vorremo lasciarvi un comento ….. Ma se poi voi non vi accorgete ke noi lo abbiamo lasciato ? Non so se venite quì , a dare una sbirciatina di tanto in tanto !
    SAPETE KE VI DICO ?!????!?
    Veniamo nella vostra pagina di fb e vi inviamo un mess…
    Abbiamo bisogno di voi ……
    Invece x quanto riguarda le borse sono FAVOLOSE !
    E toviamo ke quello ke avete scritto sui i mercatini é verissimo !
    Noi non sopportiamo i mercatini e quelli della liguria spn tutti così , dove infilano di tutto , gli organizzatori , ci in infilano ogni banco senza scrupolo , noi in zona Savona abbiamo uno spudorato Mauro , sopranominato da noi scheletor con il codino …..!
    Lui mette kiunque anke lui stesso ke vende palline di Natale comprate !!!!! Kiunque ke si fa passare x artigianati / artistici , e vendono cineserie senza vergogna …. questi personaggi hanno rovinato i mercatini ….della sua aria , profumi , e sensazioni ,la gente , inoltre a parte la crisi lo ha capito e viene molta di meno e compra molto di meno …. Ok !!!!! Ci sentiamo su fb ! Ci risponderete però vero ???!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...