Le cose che sappiamo


Diciamocelo pure: la “cupola” politica, economica e culturale che imperversa su questo sfortunato paese ha vinto. Non credo che ci siano possibilità o speranze di cambiamento quindi non mi faccio illusioni: se questa è la “mezzanotte del secolo” appena iniziato,  saremo “gli uomini della mezzanotte” ( Victor Serge È mezzanotte nel secolo)

Una mezzanotte dominata dall’impero delle merci, dall’arroganza, dall’ignoranza, dall’arrivismo, dal razzismo, dall’egoismo …

Che fare? Possiamo solo fare quello che sappiamo fare:

Sappiamo costruire, aggiustare, riciclare, rattoppare …

Sappiamo coltivare, raccogliere, conservare …

Sappiamo vivere con poco, imbandire tavole frugali e felici, lavare i piatti con la cenere, fare il pane, la pasta …

Sappiamo curarci e guarirci con le erbe, con il cibo sano, con le energie interiori …

Sappiamo leggere meravigliosi libri di notte o all’alba o quando decidiamo di farlo, ascoltare una canzone che ci farà vibrare le corde dell’anima …

Sappiamo avere amici e amiche, compagni/e di avventure e di stendardo …

Sappiamo di essere ospitati da questo meraviglioso pianeta al pari degli altri esseri animati e inanimati ed essergliene grati …

Sappiamo il sapore differente che hanno il sudore del lavoro coatto e di quello liberato …

Sappiamo che quello che prendi, prima o poi devi ritornare …

Sappiamo chiamare i venti con il loro nome, le differenti fasi lunari, il nome degli alberi e dei fiori, degli animali e degli uccelli del posto dove viviamo …

Sappiamo sognare ad occhi aperti, mettere tre cose nella borsa o nello zaino e ricominciare da capo da una qualche parte …

Sappiamo vivere senza  televisione, senza giornali, senza conti correnti e senza azioni …

Sappiamo ascoltare chi ci parla, avere pazienza, condividere, regalare, scambiare, abbandonare, cercare, chiedere permesso …

Sappiamo della gentilezza, della leggerezza della lentezza…

Sappiamo perdonare e chiedere scusa, avere torto e riconoscerlo …

Sappiamo il lavoro paziente della talpa, sappiamo indignarci, sappiamo ribellarci …

Sappiamo di sapere poco o nulla!

“Loro” no e tanto basta

Annunci

8 risposte a “Le cose che sappiamo

  1. Pingback: VogliadiTerra » Blog Archive » Il futuro dell’uomo

  2. Bellissimo. Queste parole andrebbero lette ad ogni risveglio e prima di addormentarsi, come preghiera e monito, incoraggiamento e promemoria.

  3. Consolante sentirsi parte di un “noi”…
    Ma neanche troppo…

    Andrea scripsit.

  4. Grazie, mi siete vicini e mi sento con e come voi, anche se in questa piccola e generosa terra gli ospiti son pochini e tutti da poco arrivati, io, mao (il micio nero), e bubu con yogi (i due cagnetti bianchi). Siamo tutti agli incantati inizi, e molto da imparare. Guardando le stelle per trovare consiglio e serenità, pensiamo anche a gente come voi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...