L’acqua non è una merce


L’acqua è una merce: con un decreto del 10 settembre scorso (D.L. 135/09, Art. 15) il Governo regala l’acqua ai privati, sottrae ai cittadini l’acqua potabile, il bene più prezioso, per consegnarlo, a partire dal 2011, agli interessi delle grandi multinazionali e farne un nuovo business per i privati.

A dirla così è una di quelle notizie che ti fanno odiare la politica, la società, il genere umano … e pure una qualche divinità a scelta.

A dormirci sopra qualche notte ti rendi conto che siamo all’epilogo delle “belle speranze” e che la devastazione culturale che sta traversando questo pianeta è anche provocata dal ritiro che ciascuno di noi ha compiuto, ritiro nel proprio orto, nel proprio giardino, nel proprio televisore, nel proprio amore, nel proprio lavoro …

Buona cosa è seguire il  Forum italiano dei movimenti per l’acqua e comunque la pensiate, la prossima volta che andate a votare provate a guardare le risposte dei vari dirigenti del PD in corsa alle primarie sulla questione della gestione pubblica delle acque

Cosa pensate della gestione publica dell'acqua?

Se poi pensate che esagero con il pessimismo ( in effetti in questo periodo mi viene lo sguardo cupo), leggetevi questo libro  di ‘Riccardo Bocca: GLI ANNI FEROCI’ la cui presentazione viene da Carmilla on line.

Annunci

2 risposte a “L’acqua non è una merce

  1. Come la terra anche l’acqua è un bene di tutti!
    Riusciranno a dare una consistenza materiale anche all’aria che respiriamo o al sole che ci riscalda?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...