Arne Naess


Arne Naess il filosofo norvegese , padre della Deep Ecology (ecologia profonda) è morto il 12 gennaio 2009 senza che nessun midia catodico o cartaceo o radiofonico ne abbia dato la benché minima notizia.


Naess, nato a Oslo e docente presso l’università norvegese, influenzato dalla pubblicazione negli Stati Uniti, all’inizio degli anni ’60, del libro “La primavera silenziosa di Rachel Carson, che denunciava l’impatto ecologico della chimica in agricoltura, diede consapevolezza di massa ai temi ambientali.


Gli esseri viventi, pensava Arne Naess, hanno un valore in sé. In quanto viventi. Bisogna cercare una nuova armonia ecologica tra gli esseri viventi che abitano il pianeta Terra. Questo rinnovato equilibrio passa a livello teorico attraverso la rinuncia non solo a ogni forma antropocentrismo: il diritto alla vita di ogni essere vivente è assoluto e non dipende dalla maggiore o minore vicinanza alla specie umana. A livello pratico il nuovo equilibrio ecologico passa attraverso la riduzione della popolazione umana, l’uso di tecnologie a basso impatto ambientale e la mancanza assoluta di interferenza umana in una quantità sempre più vasta di ecosistemi. Arne Naess chiamò Ecosofia T questa filosofia ecologica: (T sta per Tvergastein, il nome di una montagna del sud della Norvegia che il filosofo amava frequentare).

Già alla fine degli anni ’60 Naess abbandonò l’università di Oslo per dar vita a una movimento di ecologia profonda.

La sua ecosofia è stata espressa in diversi libri:

  • Freedom, Emotion and self-subsistence (1975)
  • Ecology, community and lifestyle (1989)
  • Life’s philosophy: reason and feeling in a deeper world” (2002).

Il pensiero di Arne Naess è senza dubbio molto radicale. Intriso anche di notevole pessimismo sulla capacità umana di realizzare l’armonia ecologica da lui teorizzata. Tuttavia è certo che egli ha contribuito alla crescita di una cultura ambientale diffusa. Quanto al suo pessimismo, negli ultimi anni si era un po’ attenuato. L’umanità, pensava, continuerà a distruggere l’ambiente per uno o due secoli ancora. Ma poi imparerà a controllare la crescita demografica e a diminuire la pressione sugli ecosistemi.

Stiamo per invertire la nostra marcia e per tornare indietro lungo la strada che ci riporterà al paradiso.


PREGHIERA PER LA GRANDE FAMIGLIA

Ringraziamo la Madre Terra, che attraversa il giorno e la notte

e il suo suolo: ricco, prezioso e dolce

nel nostro cuore, così sia

Ringraziamo le Piante, la foglia al sole e alla luce cangiante

e il fine pelo radicale; in piedi, ferme, nel vento

e nella pioggia; la loro danza è nella grana del flusso che s’avvita

nel nostro cuore, così sia

Ringraziamo l’Aria, portatrice del rondone che si libra in volo e del silenzioso

Gufo all’alba. Puro spirito della brezza

respira il nostro canto

nel nostro cuore, così sia

Ringraziamo gli esseri Selvatici, nostri fratelli, che ci insegnano segreti,

percorsi e libertà; che condividono con noi il loro latte;

completi, coraggiosi e consapevoli

nel nostro cuore, così sia

Ringraziamo l’Acqua: nuvola, lago, fiume, ghiacciaio;

ferma o in movimento; riversa per tutti

i nostri corpi mari salati

nel nostro cuore, così sia

Ringraziamo il Sole: l’abbacinante luce pulsante che attraversa

i tronchi degli alberi, la nebbia, che riscalda la grotta dove

dormono orsi e serpenti – Colui che ci desta –

nel nostro cuore, così sia

Ringraziamo il Cielo immenso

che racchiude nella sua vita miliardi di stelle – e ben oltre si estende –

oltre ogni potere e pensiero

eppure è dentro di noi –

Lo Spazio, nostro Nonno

Sua Moglie è la Mente

così sia

GARY SNYDER

da una preghiera Mohawk

Fonte: “Lato Selvatico”

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...