Gli Invisibili


PETIZIONE A SOSTEGNO DEI E DELLE 9 DI TARNAC

Una recente operazione, largamente mediatizzata, ha permesso di arrestare e incolpare nove persone attraverso la messa in opera della legislazione antiterrorista.

Questa operazione ha già cambiato natura: una volta stabilita l’inconsistenza dell’accusa di sabotaggio dei cavi elettrici, l’affare ha preso un tono chiaramente politico.
Per il procuratore della Repubblica, “il fine della loro impresa è di raggiungere le istituzioni dello Stato e di arrivarci con la violenza – Io ripeto con la violenza e non con la contestazione, che è permessa – per disturbare l’ordine politico, economico e sociale”

L’obbiettivo di questa operazione è molto più grande del gruppo di persone accusate, contro le quali non esiste nessuna prova materiale ma neanche nulla di preciso che possa essere a loro imputato.


comite-invisible


L’accusa di “associazione a delinquere in vista di una impresa terroristica” è più che vaga: che significa una associazione e come dobbiamo intendere questo “in vista di” se non come una criminalizzazione dell’intenzione?

Quanto al qualificativo di terrorista, la definizione in vigore è così ampia che può essere applicata  praticamente a qualunque cosa e  possedere questo o un altro testo, andare a questa o un’altra manifestazione è sufficiente per cadere sotto questa legislazione d’eccezione.

Le persone incolpate non sono state scelte a caso, bensì perchè conducono un’esistenza politica. Hanno partecipato a delle manifestazioni – ultimamente a quella di Vichy, dove si è tenuto un poco onorevole summit europeo sull’immigrazione.

Loro riflettono, leggono dei libri, vivono assieme in un lontano villaggio.

Si è parlato di clandestinità: hanno aperto un negozio di generi alimentari, tutti li conoscono nella regione, dove un comitato di appoggio si è organizzato fin dal loro arresto.

Quello che cercano non è l’anonimato nè il rifugio, ma il contrario: un’altra relazione rispetto a quella, anonima, della metropoli.

Infine, l’assenza di prova diventa essa stessa una prova: il rifiuto degli accusati di denunciarsi l’un l’altro durante il fermo di polizia è stato presentato come un nuovo indizio del loro sfondo terrorista.

In realtà, questo affare è un test per tutti noi .
Fino a che punto accetteremo che l’antiterrorismo possa accusare chiunque quando meglio gli pare?
Dove si situa il limite della libertà d’espressione?
Le leggi d’eccezione adottate con il pretesto del terrorismo e della sicurezza sono compatibili a lungo termine con la democrazia?

Siamo pronti a vedere la polizia e la giustizia che negoziano la svolta verso un nuovo ordine?
La risposta a queste domande sta a noi darla, iniziando a chiedere la fine delle persecuzioni e la liberazione immediata di quelle e quelli che sono stati accusati per dare l’esempio.

Questa petizione è stata lanciata da Eric Hazan e dalle edizioni La Fabrique in merito alla questione dei 9 arrestati la scorsa settimana (i cosiddetti “terroristi” del Comité Invisible)
E’ possibile firmarla con il vostro nome e la vostra qualifica (professione o assenza di professione, statuto o assenza di statuto) e reinviarla all’inidirizzo seguente:
lafabrique@lafabrique.fr

Aiutateci a farla girare il più possibile

-articolo di Giorgio Agamben uscito su Libération il 19/11/2008 (in italiano sul post sottostante): http://www.liberation.fr/societe/0101267186-terrorisme-ou-tragi-comedie

-articolo di Anna Maria Merlo per il Manifesto: http://www.ilmanifesto.it/ricerca/ric_view.php3?page=/Quotidiano-archivio/23-Novembre-2008/art46.html&word=tarnac;terrorismo

-articolo di Paolo Persichetti su Liberazione del 22/11/2008:
http://www.liberazione.it/a_giornale_index.php?DataPubb=22/11/2008

-sito del comitato nazionale di sostegno: http://www.soutien11novembre.org/

“Noi non siamo depressi, noi siamo in sciopero.”

Per scaricare l’intero testo:

http://www.lafabrique.fr/IMG/pdf_Insurrection.pdf

Advertisements

2 risposte a “Gli Invisibili

  1. chissà cosa penserebbe Silvio Trentin (http://it.wikipedia.org/wiki/Silvio_Trentin), di quello che sta succedendo al Paese che lo aveva accolto durante le persecuzioni fasciste. Silvio, né tu né Pellico avreste mai pensato che ci sarebbe stato un altro Silvio più famoso di voi!!!
    Silvio, non crederesti mai che la libera nazione che ti ha lasciato pubblicare “Les transformations recentes du droit public italien” sta ripetendo gli stessi errori di quei cattivi maestri. La storia non insegna, nonostante persone come te abbiano già analizzato tutto, nei minimi dettagli…

  2. Per delle ragioni tecniche, le petizione non può essere firmata fino a lunedì 1 Dicembre. Per quelli che hanno già inviato una mail, dovranno riconfermare le loro firme sull’indirizzo che sarà pubblicato sul sito del comitato di sostegno di Tarnac dal primo Dicembre.

    ..poi ti aggiornerò*

    merci-merci!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...