Lato Selvatico n° 32


E’ uscito il n° 32 di Lato Selvatico – Equinozio d’autunno 2008 – coordinato da Giuseppe Moretti della Rete Bioregionale Italiana. In questo numero trovate la prima delle interviste sui ri-abitanti che si ispirano al Bioregionalismo.

La copertina di Lato Selvatico

La copertina di Lato Selvatico

Ri-abitare nell’Alta Valle del Chiascio

Intervista a:

Etain Addey e Martino Lanz

Etain e Martino ri-abitano la campagna umbra da circa 28 anni.

Nel loro podere “Pratale” allevano pecore, cavalli, asini e galline.

Producono formaggi, uova e vino. Curano il pascolo, il bosco, gli alberi da frutta e un amplio orto per il sostentamento della famiglia.

Dopo il terremoto della seconda metà degli anni 80’ hanno costruito una nuova casa interamente in legno: Hanno praticato con i figli la scuola famiglia e ospitano persone che vogliono passare uno o più giorni in campagna. Fanno parte della Rete Bioregionale Italiana dal 1997 ed hanno pubblicato un libro ciascuno: “Una gioia silenziosa”,Ellin Selae 2003 (Etain) e “Real Horsepower” (in inglese), Blakberry Book 2005 (Martino)

Sono presenti in antologie pubblicate dalla Rete Bioregionale e scrivono regolarmente su AAM Terra Nuova, Il Seminasogni e Lato Selvatico. E inoltre sono tra gli ideatori del mercatino di scambio locale.

Questo è uno stralcio della lunga intervista:

[…] I luoghi hanno un’anima?

Etain: Penso di si. Di che natura è quest’anima? Credo che l’interiorità del luogo è come la nostra interiorità umana che è composta di molte storie, di molte esperienze, di molte persone che ci hanno abbracciato, di animali e piante che abbiamo conosciuto, di tutti i sentimenti che sono fluiti da noi e verso di noi, delle nostre speranze e paure, delle nostre ombre e ostilità, delle nostre gioie, dei nostri amori.

E, sotto tutto questo, un antichissimo, selvatico cuore che abbiamo ereditato dai nostri più lontani antenati – tutti gli esseri terrestri con i piedi per terra e le mani in pasta e indietro nel tempo, con zanne e zampe e piume e squame e pinne. E allora, dietro a questo cuore selvatico, di cui non si può parlare.

Quando i turisti visitano un luogo, rimangono quasi sempre frustrati perché quello che affannosamente cercano è questa interiorità misteriosa.

Ma a meno che non siano disposti a concedere molto tempo e ascolto, a vivere e a dipendere da quel luogo, non possono penetrare oltre le apparenze, esattamente come un ragazzo che và in discoteca e vede una ragazza: ne vede il corpo e il vestito. Se non le dedica tempo, ascolto,cuore, non può capire il mistero della sua interiorità.

Ma credo che l’anima dei luoghi è generosa e ad un sincero desiderio di entrare, di farsi accettare come abitante, risponda con un abbraccio.

Nell’immaginario dei nativi in ogni tempo e posto sorgono luminosi i visi degli Dei del luogo, che sono la vera apparenza – indovinata solo dal cuore innamorato – dell’interiorità del paesaggio nativo. […]

[…] Come vi state ponendo nei confronti di un mondo sempre più nelle mani degli interessi economici e politici globali e sempre più lontano dai bisogni della gente della natura nel suo insieme?

Etain: Così come la natura si ribella la sabotaggio in atto, anche il lato selvatico della gente si ribella perché siamo animali antichi con millenni di vita avventurosa alle spalle […]

Dopo Genova, nella nostra zona abbiamo dato vita ad un mercatino di scambio fra piccoli contadini. Ci vediamo una volta al mese. Sempre in un podere diverso, ed è sempre una festa. Ci sono verdure,carne, formaggio, burro, panna, pane, torte e biscotti, ceci, lenticchie, grano, farro, medicinali naturali, succhi e vino, olio e salse varie, vestiti e libri di seconda mano e tante altre cose. Questo mese ci incontreremo per l’85° volta e vediamo che l’idea viaggia – c’è un mercatino simile nelle Marche, in Molise e, dal mese scorso, in città a Perugia. E chissà dove ancora.

E’ uno dei modi per praticare la “sottrazione” di cui parla Renato Pontiroli: evitiamo il più possibile di essere clienti di chi fa sabotaggio alla Terra. Non diamo loro il nostro appoggio, i nostri soldi, perché sottrarre loro il voto va bene ma non basta.

Il movimento che ha nutrito questa linea di pensiero è il Bioregionalismo, che vede gli esseri umani all’interno della rete di vita in ciascun luogo specifico.

[…] Ognuno di noi abita un luogo e fa parte in maniera indissolubile di quella particolare rete di relazioni: il luogo ci sostiene, ci fa vivere,ci da da bere e da mangiare, ci ripara e ci offre le sue storie per insegnarci a vivere là.

Stà ad ognuno di noi diventare consapevoli e comportarci in maniera elegante e intelligente con i nostri vicini umani e non umani, in modo da rendere inclusiva la vita nell’ampia comunità naturale della nostra bioregione. […]

Per abbonarsi e ricevere “Lato Selvatico” morettig@iol.it

E’ uscito anche Ritorno al Fuoco. Ecologia Profonda per il nuovo millennio

di Gary Snyder

«La poesia e l’arte si trovano vicino alla “natura” […]. L’immaginazione è il lato selvatico della coscienza, libero e imprevedibile, ma anche armonioso»

«La grandezza del luogo di appartenenza è delimitata solo dalla grandezza del proprio cuore. […] la battaglia per l’integrità dell’ambiente avrà bisogno di strumenti “buoni”»

Il premio Pulitzer Gary Snyder, cantore della “natura selvatica” e poeta ispiratore della beat generation, propone con Ritorno al fuoco una visione inedita dell’ecologia, un nuovo pensiero globale sulla natura.
I nativi americani della West Coast provocano piccoli incendi pilotati per conservare intatto il rigoglio delle foreste. I saggi della raccolta ruotano intorno a questa immagine, metafora di un progresso armonico e non distruttivo, per offrire al lettore una risposta possibile e praticabile al bisogno di rinnovamento e purificazione, necessario all’emersione della nostra identità selvatica e alla nascita di un pensiero nuovo.
Sono scritti autobiografici e universali, perché il pensiero di Snyder nasce sempre dall’esperienza personale, dall’incontro con gli uomini e con la terra che abitano. Dal Giappone, dove entra in contatto con lo Zen, alle foreste della Sierra Nevada, l’autore costruisce un percorso di consapevolezza interiore e ci invita, nel rumore assordante della civiltà attuale, ad ascoltare la voce della natura, che è anche la nostra voce, la più profonda.

Cura e traduzione di Chiara D’Ottavi
Gary Snyder: BIOGRAFIA

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...