Page-rank del cuore


Ridere del presente

Ridere del presente

Con l’arrivo di internet nella nostra casa, la quantità di informazioni disponibili e consultabili ha raggiunto livelli stratosferici.

Io e Manù siamo sempre stati dei lettori accaniti, e le stanze della nostra casa rigurgitano di libri, riviste e stampati ma a questo volume non eravamo preparati.

Entrambi navighiamo da pochi anni in settori limitati e mirati, sarebbe impossibile e inutile fare altrimenti, io ho ristretto le mie attività e navigazioni a quella che definisco l’area della “semplicità volontaria“, del “bioregionalismo” e dell’“ecologia profonda”, con incursioni umorali anche alla “memoria” dei movimenti alternativi/antagonisti e alle pratiche attuali.

Sebbene sia un campo abbastanza ristretto dovrei passare le mie serate a scrutare lo schermo e non riuscirei comunque a navigare nel tutto.

La sovrabbondanza di siti, portali,blog, forum e liste in questo campo personale di interessi comincia ad essere sterminata, spesso vittima del famigerato Copia-Incolla, del vizio delle appartenenze ideologiche (tutto italiano), dell’ego delle persone che gestiscono il proprio spazio virtuale, in cui ciascuno è editore di se stesso.

Il peggio arriva immancabilmente dalle liste e dai forum, che sono ormai palestra di sofismi egocentrici, scannatoio delle opinioni altrui e altare celebrativo delle proprie.

Le nostre navigazioni e quindi i nostri rapporti virtuali (che a volte diventano reali) sono dominati dal page-rank dei motori di ricerca, che implacabilmente ci danno la “classifica” dei più visitati a seconda delle “parole chiave” che cerchiamo… indirizzandoci quindi verso quello che decide una maggioranza a cui non apparteniamo.

Troviamo allora siti, portali, wiki, blog, forum ecc. dedicati a determinati argomenti con un volume di informazioni infinito. Questa massa di info però non ci cambia la vita: nel senso che è ben difficile che i ragionamenti, i dati, le dichiarazioni di intenti riescano, almeno in minima parte, a farci cambiare opinione o meglio a darci la possibilità di avere un differente immaginario per prendere decisioni che influenzino il corso della nostra vita.

Io la mia l’ho cambiata alcune volte, ma mai sulla spinta della conoscenza intellettuale o del dibattito dialettico ma sempre sulle emozioni in grado di scardinare l’immaginario del presente e alimentarne uno differente, altro, possibile e a volte impossibile.

Avviato alla promettente carriera di enologo (visto che ero figlio di viticultori in oltrepò pavese) le coordinate della mia vita sono state rivoluzionate non dalla lettura de testi sacri del periodo 68′-77′(Quaderni Rossi, Lotta Continua, Potere Operaio, Autonomia Operaia, il Marx giovanile e profetico, il Toni Negri debordante ma immaginifico …) ma dall’ascolto di un LP (chiamavasi disco a 33 giri): “The times they are a-changin” di Bob Dylan e dalla contemporanea lettura dell’Urlo di Allen Ginsberg ( questo potrebbe essere accaduto intorno agli anni 68-69….).

Non capivo una mazza di inglese e quella forma poetica mi sembrava ostica ma improvvisamente si aprì una specie di portale dimensionale e tutte le mie emozioni, l’immaginario, la pelle … quasi si rivoltarono e cambiò la mia vita.

E’ accaduto molte altre volte, sempre grazie a input emotivi innescati dalle parole emozionanti e dalla musica( mai dalle immagini, dalle teorie, dalle rappresentazioni…).

In quelle volte sono mutate le coordinate, o forse si sono aggiustate, fatte più precise e sempre grazie o con la complicità attiva di musica e parole: i Byrds di “Mr. Tamburine man”, Crosby Stills Nash & Young di “Déjà vu”con i “Cent’anni di solitudine” di Gabriel Garcìa Maruez, la quadrilogia di Manuel Scorza “Rulli di tamburo per Rancas, Storia di Garabombo l’invisibile, Il cavalliere insonne, Cantare per Agapito Robbles” con il Claudio Lolli di “Ho visto anche degli zingari felici” poi i Clahs di “London Calling” e “Sandinista” con i “Comici spaventati guerrieri” di Stefano Benni, il Robert Wyatt di “Te recuerdo Amanda” con “Fuga senza fine” di Joseph Roth, “L’orda d’oro” di Nanni Balestrino e Primo Moroni con “ Barricada rumble beat” dei Gang … quante altre canzoni e quante storie lette,assorbite e in parte co/vissute!

Forse i tempi della mia memoria discordano o si affastellano nel riassunto breve … potrei fare un blog all’incontrario e probabilmente sarebbe un viaggio doloroso, di parte, sostanzialmente obsoleto ma di sicuro prima o poi farò una mappa della memoria emozionale, anche se la mappa non è il territorio.

Il buco nero delle pulsioni che hanno attraversato la “Meglio gioventù” a cui appartengo e a cui sono legato da filamenti icomparabili stà comunque alla base dei comportamenti e delle scelte esistenziali di “Semplicità volontaria” o di involontario antagonismo che alcuni dei nostri improbabili lettori hanno fatto o si accingono a fare

Altre volte è stato l’incontro con persone incredibili che ha scompigliato la bussola e scompaginato le mappe: Primo Moroni libraio della Calusca e coscienza critica dei movimenti antagonisti degli anni 70′ e 90′, Mario Cecchi voce narrante del Popolo Elfico, Giuseppe Moretti ispiratore della Rete Bioregionale Italiana, Etain Addey per cui non trovo parole sufficienti…e …

E’ raro trovare spazi virtuali in grado di emozionarci, di scombinare e rivoluzionare il nostro immaginario; seppure ricchi di notizie, informazioni, saperi, questi luoghi a cui attingiamo sono avari di emozioni e ben difficilmente traspare da essi la vita, la storia di chi li gestisce, rimangono anonimi, prigionieri di una freddezza comunicativa che rasenta il nozionismo spicciolo.

Questo nozionismo, il copia-incolla infinito, il non rapporto con il quotidiano immaginario e con le tensioni che lo abitano rendono i “saperi” proposti  del tutto virtuali, inconsistenti.

Adesso voglio cominciare a formulare un mio personalissimo Page-Rank del cuore in cui proporre come link non i simpatici, gli arguti, i sapienti, gli informati, non lo scambio eguale: io linko te e tu linki me, non la ricchezza di info, la varietà di punti di vista, la ricchezza di documentazione … ma quelli comuni/canti in grado di incantare e a volte di farci impercettibilmente perdere la bussola dei giorni a venire.

Forse perderemo lettori, forse ci toglieranno dai link amici e forse precipiteremo nella Page-rank di Google ma da sempre sono convinto che seppure incatenato nella società globalizzata e informatizzata ogni singolo individuo ha un’incredibile strumento di comunicazione che neanche le TV di stato o del berlusca possono cooptare, neanche i giornali, le riviste alternative o meno possono descrivere, neanche la Rete può nascondere: il luogo dove viviamo, le nostre vite e le nostre storie … se non raccontiamo noi tutto questo … lo raccontano loro.

In questo ultimo anno abbiamo ricevuto almeno una quarantina di lettere da persone che, stimolate dalle nostre storie(e da quelle della nostra tribù) cercavano indicazioni, suggerimenti, informazioni …ecc. per modificare e ribaltare il presente e l’immaginario.

Se la legge del caos o effetto farfalla vale,se la nostra vita contagia altre vite come fosse una catena e le trasforma in “massa critica”… allora possiamo tenere acceso il computer altrimenti … altrimenti vale la pena di discorrere con i tassi o le poiane!

Come diceva “indiano” durate l’incontro C.I.R. a Gran Burrone: “l’esperienza non si insegna, si impara” e neppure i sogni … si insegnano …: si condividono.

Forse è un tempo che ci richiede di trasformare il “virtuale” in “reale” e ridare senso e vita ai nostri nik-name, avatar, alias… posizionarli in nomi cognomi, luoghi, indirizzi, scambi, baratti, regali, tempo … manufatti, abilità e semi e frutti e conserve e memorie …forse è il tempo di tavole apparecchiate e candele alla finestra per chi potrebbe arrivare, di sorrisi, saperi, sapori, debolezze, canzoni e carezze.

Forse è un tempo, un tempo buono per fare a partire dalla Rete una Tribù solidale, fatta di corpi e materia.

Sono molti anni che non lancio più grida accorate e rabbiose per una qual si voglia guerra santa contro il capitale (o globalizzazione, stato, potere …) …come in “Q” di Luhuter Blisset anche per me

“Gli anni sono passati, alzarsi dal letto non è facile come un tempo: qualche volta il freddo colpisce gli arti, reumi che tagliano i movimenti all’ìmprovviso ti segnalano che la corda è rimasta tesa per troppo tempo. Muscoli e acciacchi si stringono insieme e ti dicono che il quinto decennio della tua vita dovrai spenderlo con parsimonia se non vuoi stare piegato in un letto prima che la ragione ti abbia abbandonato.

E allora restare. Resistere qui, troppo vecchio per imparare un mestiere e troppo stanco per riprendere a lottare.

Forse il bulino o il tornio, ma la spada no, quella la lascio alla ruggine del canale in cui l’ho gettata.”

Ieri ho compiuto 57 anni, 40 di questi, nonostante gli errori, le stanchezze, le incoerenze … penso di averli vissuti degnamente … degli altri ne serbo l’innocenza, per quelli ancora a venire ho orecchie e occhi talmente disincantati che solo il passo leggero del selvatico accarezza lo spartito del cuore.

“Wifala, Wifala”, gridò.

Il fumo della danza lo avvolse. Non lo si vedeva più. Il suo poncho era un un turbine di colori vorticanti. Senza cessare di vorticare scese lungo il pendio.

Come una torcia passò bruciando gli eucalipti. Io lo vidi… Allora vedemmo! Tutta la gola stava ardendo! Un serpeggiare di colori avanzava incendiando il mondo.”

Manuel Scorza: “Cantare per Agapito Robles” ed Feltrinelli

Mi scusino gli improbabili lettori, che nel frattempo possono anche aprire il libro: …”Percorse la piazza, il mercato, le stradine di Yanahuanca senza imbattersi in nessuno…”

Ed ascoltare il disco: “Piazza bella piazza, ci passò una lepre pazza… ci passai con la barba lunga per coprire le mie vergone , ci passai con i pugni in tasca senza sassi per le carogne…”

Claudio Lolli: “Ho visto anche degli zingari felici”


Con leggerezza raccontarsi, dispiegare l’immaginario, condividere …

Annunci

4 risposte a “Page-rank del cuore

  1. Ci sono tempi per decidere e ci sono tempi per pentirsi!
    Come dicono i grandi saggi: la vita andrebbe vissuta due volte.

    Siamo cresciuti davanti alla TV, dove l’irreale te lo fanno sembrare reale e quello che è naturale per noi uomini diventa una stravaganza, è difficile cambiare quando cresci in un sistema quasi perfetto dove tutti hanno il loro ruolo ben definito di coglione del meccanismo.

  2. non ci serve rendere reale il virtuale , e fin che il virtuale c’e’ indisturbato resta il nostro reale .
    le lotte , i movimenti , le proteste non hanno portato a tanto ma una realta’ si e’ fatta , quella che lenta e incessante continua e si espande .
    noi giovani adesso , come voi giovani all’ ora abbiamo un ideale da portare avanti , osserviamo quello che e’ stato fatto e facciamo il nuovo , tra una realta’ che gli anni passati non conosceva .
    problemi allora , problemi adesso e problemi in futuro …… , l’ importante e’ continuare ………..,
    tra la freddezza della rete e il calore dell’ incontro noi ci facciamo strada , facciamo il nostro presente .
    molti giovanni si camuffanno , pensano in un modo e reagiscono in un altro , possono fare i ribelli con la fam. che li difende , vivono all’ estremo ma con il portafoglio pieno ………………ma non e’sempre cosi’ , c’e’ chi crede veramente in quello che fa’ , chi ascolta chi ha da insegnare e ci si mette in un falo’ o in rete ad aspettare .., che qualche messaggio arrivi ———–

  3. …..ancora a copiare e incollare….ma come si fà sono argomenti che ti entrano dentro ….e come tale l’effetto farfalla ti piglia…..senti il bisogno di comunicarli di espanderli amplificarli…certo hai ragione dietro gli avatar i blog i siti i web i forum ci siamo noi …..io dico vale eccome la pena di tenere acceso il computer perchè il contagio stà avvenendo,avviene,avverà……
    simm’rò sud…nu’ poco indolenti…nù poco sfaticat’…
    cà capa skumbinata….
    siamo un gruppo di lavoratori(è non )ospedalieri(CTO)
    che stà anche per comitato transfughi organizzandi
    sentiamo molto la voglia di sottrarci..(vedete li contagio)…ma abbiamo ancora da imparare…. io (Armando )54anni tengo un poco la capa fresca(dicono)in quanto abbondonerei napoli, lavoro,violenza,e criminalità per andare a zappà….ma per adesso leggo le vostre preziose esperienze…ed i vostri consigli…..
    a proposito di una tribù solidale fatta di corpi di materia se vi trovate(qualche mercatino) dalle parti del sud (napoli ) fatecelo sapere, una calorosa accoglienza napulitana a’casa mia!
    con affetto buon cammino
    Armando CTO(detto ò pàcìòck)

  4. E’ raro trovare spazi virtuali in grado di emozionarci […]

    Questo spazio -già lo scrissi ma me n’ero nuovamente scordata- questo spazio è uno di questi rarissimi. E me ne scordo ogni volta, ogni volta mi coglie alla sprovvista: sicché accade che in una delle giornate convulse degli ultimi mesi io rubi una manciata di secondi e butti lì una sbirciatina giusto per vedere se ci sono aggiornamenti e mi ritrovi invece di colpo commossa in modo davvero imbarazzante. Alle emozioni evidentemente basta una manciata di secondi e poco importa loro quale sia il medium.

    Que los cumpla feliz, hermano.
    Gracias por compartir.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...