1977 l’anno che non siamo mai andati a letto presto


Sulla lista Rekonbinant c’è una lettera di Marco Philopat che si può leggere a questo link:

http://agenziax.it/oc_main.php?pid=14&estratto=1&sid=38

La lettera è abbastanza lunga, ma la cosa che volevo ricordare è questa: le memorie scomparse. Del 68 tutti ricordano e danno giudizi, fanno film, libri, trasmissioni, blogs; del 1977 non si ricorda nessuno, neanche quelli/e che ne sono stati protagonisti. Ha ragione Philopat: ci sono avvenimenti che sono sistematicamente dimenticati. Il 1977 è uno di questi. I numeri impediscono di ricordare o di farci un film,o una serata di nostalgia: 8.ooo arrestati, 5.000 incarcerati, 40.000 inquisiti, 100.000 indagati e mancano i numeri degli “andati” a causa (varie cause) dell’eroina, un’ epidemia che travolse la mia generazione, ma se di questa mancano i numeri ciascuno può ricordare quanti , degli amici e compagni di allora sono morti per eroina.Io lo ricordo come un lunghissimo anno, per me terminò alla fine dell’83, ma lo ricordo poco come un’autodifesa, che a ripensare quella ricchezza di rapporti, di iniziative (chi non ha partecipato all’avventura di una radio, di una rivista o di un centro sociale?) poi come fai a ritrovarti in questo presente??

Come fai a pensare alla generazione del rifiuto del lavoro, del diritto all’ozio, quando vivi nel tempo del precariato che non vorrebbe essere precario ma fisso, della ricerca della “sicurezza”, della casa di proprietà; come fai a ricordare “quella” Piazza Maggiore e poi guardarti la Piazza Maggiore di Cofferati, dei “grillini” mobilitati intorno ad un comico. Come fai a ripensare a quella generazione che” il personale è politico” ” del pane e le rose” quando la politica e il dibattito o dialogo politico vivono nell’anonimato e nella virtualutà della rete?
Paolo Virno, negli anni 90 sulla rivista “Luogo Comune” teorizzava l’Esodo partendo dalla visione che il 77 non fosse un passato remoto ma un futuro prossimo, riprendendo un comportamento diffuso in quegli anni: cambiare lo sfondo del conflitto, non affrontarlo dalle condizioni date ma sottrarsi e muoversi obliquamente, come quei piccoli gruppi che agli inizi degli 80 si trasferirono nei posti abbandonati dal moderno anticipando le teorie e le pratiche di decrescita così discusse e teorizzate adesso.
Visto che Marco ricorda Moroni, il cui archivio dovrebbe essere a cuore di tutti noi, lo ricordo con la citazione della tessera della gloriosa Calusca City Lights:”La cultura è il luogo dell’unità perduta. In questa ricerca dell’ unità, la cultura come sfera separata è costretta a negare se stessa”.
Saludos 1977

La nostra piccola e personale

Bibliografia della memoria

-Nanni Balestrino – Primo Moroni: L’ORDA D’ORO

Prima ed. SugarCo Milano 1988 – Prima ed. nell’”Universale Economica” Feltrinelli 1997

-AA.VV. SETTANTASETTE La rivoluzione che viene

Derive/Approdi Castelvecchi Editore 1997

-AA.VV. UNA SPARATORIA TRANQUILLA

ed. Odradek 1997

-Piero Bernocchi, Enrico Compagnoni, Paolo D’Aversa, Raffaele Striano: MOVIMENTO SETTANTASETTE STORIA DI UNA LOTTA

Quaderni di fabbrica e stato – ed. Rosember & Seller 1979

-Franco Berardi Bifo: DELL’INNOCENZA interpretazione del settantasette

ed. Agalev 1989

-Giovanni cocchi, Mirco Pieralisi: 1977 – 1987 dieci anni cento domande

ed. Agalev 1988

-Ermanno Gallo, Vincenzo Ruggiero, Roberto Silvi: GLI OSTELLI DELLO SCIAMANO alle radici della tossicomania e del controllo sociale

ed. Senza Galere 1980

-AA.VV. LINGUE E LINGUAGGI gli indiani metropolitani

Derive/Approdi, Anno V. Numero 15

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...