Il battito di ali di una farfalla…


Questa riflessione inizia da…un vasetto di miele: un vasetto di miele proveniente dal Chiapas regalatoci da un’amica e acquistato in un negozio del commercio equo-solidale, il vasetto in questione si è incrociato con alcune e-mail di partecipanti alla Mailing-list di Decrescita , in queste mail uno degli argomenti comuni era la distruzione ambientale, la conseguente, irreversibile diminuzione delle risorse del pianeta e quindi la giustamente crescente“ preoccupazione per i nostri figli”, per le generazioni che verranno; non bastasse l’incrocio improbabile vi si è aggiunta pure la notizia dell’aumento di circa il 30% del prezzo del grano sul mercato mondiale provocato dall’uso del cereale per … produrre biocarburante, collegata al dato impressionante della sottoproduzione di cereali necessaria a sfamare la popolazione globale. Poi ci ho messo pure la lettura di una etichetta di “pesce surgelato” per i famosi Quattro Salti.. e tanto per concluderla mi chiedevo se dalla rivolta campana contro discariche e inceneritori si potesse ricavare un dato di diminuzione dei rifiuti.

Provo adesso a descrivere le impressioni che si sono susseguite:

lavanda-7-o7-003.jpg

( approccio consapevole … al deodorante)

ll vasetto di miele prodotto e commercializzato per un fine etico e condivisibile per arrivare sul nostro tavolo ha percorso dall’apicultore a noi svariate migliaia di km.: cammion, nave ecc. Al mercato settimanale, a quello mensile bio a circa 25 km. da casa vari piccoli apicoltori propongono il loro ottimo miele.

Mentre monta la sacrosanta preoccupazione per il destino ( per quello che lasceremo ) dei figli, milioni di figli, madri, padri…vengono letteralmente brasati quotidianamente per permettere al preoccupato mondo occidentale di mantenere il suo stile di vita e di consumo nell’indifferenza più totale. Continuando: ci vuole poco ad immaginare le monoculture cerealicole, magari con sementi OGM espandersi, così che le varie Toyota, Ford, Fiat ecc. possano produrre ottimi veicoli ibridi e noi continuere a costruire autostrade magari eco-compatibili.

Viviamo in un mondo che corre: cibo surgelato e via…per produrre i gamberetti… decine di migliaia di piccoli coltivatori dopo aver abbandonato le pratiche agricole millenarie per darsi alla pescicoltura, ridotti alla fame per le variabili del mercato, dopo aver inquinato centinaia di km. di coste ora premono ai confini delle megalopoli indiane.

Grandi rivolte contro le discariche ma rivolte contro la produzione di merci inutili, contro la produzione di rifiuti se ne ricordano …nessuna.

La massa critica dei comportamenti individuali e collettivi , indotti o meno, ha generato questo presente .. ”feroce come una pestilenza e sanguinario come un esercito “ e per quanto uno cerchi di sottrarsi a questo DOMINIO DELLE MERCI ogni giorno si rende conto che ogni gesto per quanto innocente e necessario provoca, da qualche parte del pianeta, un disastro. Se si impara a leggere la “storia” di ogni oggetto che si usa, che ci appartiene, che ci serve … ci si rende conto che persino la zappa, la piccola falce, il tubo di gomma per innaffiare…viene da un mondo lontano ed è stato prodotto… commercializzato … a costi umani e non umani indicibili. Persino i libri o questa tastiera, le canzoni che ascolto scrivendo … non esiste anfratto in cui nascondersi, tirarsi fuori… il nostro battito d’ali di farfalla scatena uragani. Verrebbe da pensare di rimanere immobili e silenziosi, per non fare danno come le farfalle che stanno leggere e imparano dai fiori.

Forse è tempo di scelte individuali, di diserzioni dal presente, radicali e magari solitarie e improponibili, di dirsi:

…Andai per i boschi, perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita, e per vedere se fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi, e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto. Non volevo vivere quella che non era una vita

A meno che, non fosse strettamente necessario.…

HENRY DAVID THOREAU

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...