Il giardino di Emilia Hazelip (3 parti in italiano)


I video “Il giardino di Emilia Hazelip” tradotti in italiano

About these ads

8 risposte a “Il giardino di Emilia Hazelip (3 parti in italiano)

  1. Se non mi fossi intestardito a scrivere sulla questione petrolifera, farei anche io dei post su Emilia Hazelip. Sono stato in quella stessa fattoria in cui ha fatto esperienze. Ci sono capitato proprio sopra, per caso (poco sopra a Tourrettes sur Loup, a un’oretta dal confine italo-francese e da Ventimiglia). Mi hanno poi detto che tutto è stato raso al suolo e mi ci sono volute settimane per riprendermi dallo shock: il suo lavoro ha fatto la fine di quello di Fukuoka, speriamo non tocchi anche a noi, di essere spazzati via……

  2. Caro Medo, ho la vaga sensazione che tutte queste pratiche di agricoltura e autosufficienza sono e saranno talmente minoritarie che si spazzeranno via da sole. In compenso potremo continuare a dirci che avevamo ragione!

  3. Ciao, ho guardato tutti i filmati.
    Ho diverse perplessità sulla pacciamatura per le quali ti chiedo parere:
    1) la pacciamatura non vola via? (abito in zona ventosa)
    2) dove si trova così tanta paglia? Non saprei dove acquistare una pacciamatura …
    3) ha senso metterla anche nelle piccole coltivazioni di ortaggi da balcone? (in vaso)
    Grazie mille

  4. In zone particolarmente ventose fare delle griglie di canne per “tenere” ancorata la pacciamatura, la paglia si trova o presso agricoltori o consorzi agrari… sul balcone penso sia superflua.

  5. ECCO : in questo sito http://selvatici.wordpress.com/ ho visto i video di Emilia Hazelip, che ha adattato i metodi Fukoka (non senza molti cambiamenti altrimenti non viene niente)in Francia, si avvale in pratica di bancali di terra perennemente coperti di pacciame e mai arati… ora mi chiedo come farà a rincalzare le radici delle piante ? già come fa ? visto che dice nel video che il terreno non va mai rimescolato. Questo lo chiedo perchè mi è sembrata molto convinecente e vorrei farlo anche io. Inoltre chiedo: Immagino sia abbastanza facile utilizzare i bancali per insalate e piccoli ortaggi ma come utilizzarli per pomodori che comportano l’utilizzo di sostegni che andranno irrimediabilmente a compattare il terreno e a rovesciarlo ? Il giapponese mi ha incuriosito, la francese mi ha ispirato ora mi manca solo qualche italiano per convincermi (possibilmente campano) e anche io utilizzerò il sistema a bancale…

    La domanda che pongo penso che sia legittima in quanto normalmente una pianta che non viene rincalzata o è abbattuta dal vento, o stagna all’acqua, o caccia fuori le radici indebolendosi. Per cui come farà lei ad ovviare al rincalzooooo ??

    prego chi già lo utilizza questo sistema di rispondere a queste mie 2 domande

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...